psicologo analista,
psicoterapeuta

Chi sono.

Ovvero,
come diventare terapeuta
senza perdere la testa!

Il miglior terapeuta possibile? 

Beh, decisamente ironico e onesto! (Marozza, Ritorno alla talking cure).

Quando Freud parla della psicoanalisi come una delle professioni impossibili (Analisi terminabile e interminabile) lo fa pensando al fatto che si tratta di una professione il cui  esito è totalmente imprevedibile.

Si potrebbe dire – parafrasando Jung – che la psicoterapia, come la vita, è un esperimento dall’esito incerto (Jung, Ricordi, sogni, riflessioni).  

Indefinibili sono le variabili in gioco, impossibili da prevedere sono gli esiti. 

In questo, la fantasia di portare il paziente ad uno stato di “normalità” di sicuro non è l’obiettivo della terapia.

L’obiettivo allora sarà quello di portare il paziente a sviluppare un atteggiamento cosciente in grado di decifrare quanto gli accade interiormente, saper reagire in maniera sufficiente agli urti della vita e assumere una visione personale sul senso di sé.

Oltre l’incertezza nella quale si muove la psicoterapia – seppure col tempo si sia dotata di tutta una serie di strumenti d’indagine e controllo – c’è un fattore sul quale si può e si deve lavorare costantemente durante la terapia.

Questo è il grande fattore di guarigione indicato da Jung: la personalità del terapeuta, intesa come il massimo risultato da lui raggiunto sino a quel momento (Jung, Medicina e psicoterapia). 

«Se voglio curare la psiche di un individuo devo, volente o nolente, rinunciare a ogni saccenteria, a ogni autorità, a ogni desiderio di esercitare la mia influenza senza limitarlo con i miei presupposti. 

Il suo sistema entrerà così in relazione con il mio e agirà su di esso. 

Quest’azione è l’unica cosa che io, in quanto individuo, possa legittimamente contrapporre al paziente.» (Jung, Pratica della psicoterapia).

Michele Accettella psicologo e psicoterapeuta Roma

Dalla tradizione contadina dalla quale provengo (la foto ritrae le nozze dei miei bis-nonni agli inizi del ‘900), tengo sempre di vista il contatto con la realtà, la dimensione pragmatica della vita.

Per questo la tua situazione di vita reale è sempre posta al centro del mio interesse terapeutico perché credo abbia un valore fondamentale per capire come si sta evolvendo la tua personalità.

Le intuizioni che emergono durante la terapia sono sempre poste di fronte al problema di come applicarle alla vita pratica. 

Questo piano serve anche per capire se le cose vanno male perché, se è così, significa che – almeno in parte – io vado male

Su quest’ultimo aspetto allora, devo intervenire secondo le mie possibilità.

Jung mi ha insegnato la grande ricchezza del sintomo. La ricchezza della possibilità della trasformazione che si cela dentro ogni sintomo!

Può sembrare un paradosso, ma il sintomo è una possibilità.

Esprime di fatto un qualcosa che ancora non è chiaro a te stesso. Una parte della tua personalità che ancora ti sfugge.

In questo senso il sintomo è la tua occasione di crescita.

Jung di fatto ci ha mostrato qual è la possibile virtù che si annida sotto ogni vizio (Trevi e Romano, Studi sull’Ombra).

Che cosa mi ha fatto scegliere la professione di psicoterapeuta?

Beh, oggi credo sia stata proprio la testarda convinzione di ritenere che la vita non è data a priori una volta per tutte, indipendentemente da ciò che ci accade. 

Per questo, può essere trasformata continuamente aprendosi ad ogni possibilità di sviluppo.

La mia vita è stata oggetto di quella trasformazione per cui il mio impegno terapeutico è fare in modo che questo livello maturi nella consapevolezza dei miei pazienti.

Se questo accade, a quel punto davvero si può godere della libertà creativa di fare consapevolmente della propria vita ciò che più si desidera.

Quali sono i miei valori?

I principi fondanti che ispirano il mio lavoro hanno a che fare con alcuni valori particolari. Questi valori fondanti sono intesi nell’idea:

  • che la vita si può trasformare in ogni momento e a qualunque età;
  • che le cose dell’umano hanno un limite dettato dal momento presente e che è importante riconoscere e rispettare;
  • che tutte le esperienze della vita hanno un significato intimo del tutto personale;
  • che questo significato è esattamente ciò che fa la differenza nel modo di affrontare le cose del mondo;
  • che esiste una parte dell’esistenza che non va interpretata, ma semplicemente vissuta per quello che è;
  • che tutto ciò che ci accade intimamente, per quanto doloroso, può essere portatore di una nuova possibilità
Tutti questi valori sono alla base del mio modo di condividere il privilegio di partecipare a una piccola parte dell’esistenza dei miei pazienti. 
 
Un privilegio che sento, in parte, profondamente come un dono.

«Aiuto adolescenti e adulti
a comprendere il significato del loro dolore
per migliorare la qualità delle loro vite
attraverso la crescita della personalità.»

Michele Accettella

le mie collaborazioni istituzionali, accreditamenti e pubblicazioni scientifiche:

Palazzo Chigi
ministero-giustizia-logo
CMYK base
Roma-Capitale
Asl-Roma-2-Posti-di-Dirigente-Medico-Anestesia-e-Rianimazione
asl-roma6
velletrrr
Agci
logo-confcooperative
logoifc
Guardia di finanza_Convenzione
CC
altra meta divisa_convenzione
AssoMedico
Consiglio_Nazionale_CdL_logo_600_x_300
Psicologo certificato EuroPsy
Stampa
RPA LOGO
franco-angeli
MAGI EDIZIONI
ARACNE EDITRICE
FATTORE UMANO
streetlib-02

competenze:

Psicoterapia
90%
consultazioni psicologiche
85%
supervisione
80%
progettazione socio-sanitaria
80%
alta formazione
80%
psicodiagnosi (test e valutazioni)
75%

ContaTTI:

RACCONTAMI LA TUA STORIA

Inserisci i dati del modulo se vuoi condividere con me la tua storia. 

Riceverai una email di risposta che potrà aiutarti a capire meglio che cosa ti sta succedendo. 

Michele Accettella

“Aiuto adolescenti e adulti a
comprendere il significato del loro dolore
per migliorare la qualità delle loro vite
attraverso la crescita della personalità” 

Rimani aggiornato

Registrati se vuoi ricevere nella tua email
aggiornamenti sui nuovi articoli e le nuove iniziative.

2006-2019, © Michele Accettella | Psicologo a Roma | Psicologo Analista e psicoterapeuta |
Appio Latino | Appia Nuova | Alberone | Furio Camillo | San Giovanni | Re di Roma | Ponte Lungo | Colli Albani | Tuscolana

Licenza Creative Commons
Tutti i contenuti sono sotto licenza – Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Disclaimer – Tutti i contenuti presenti in questo sito sono prodotti allo scopo di diffondere informazioni di carattere psicologico.
Non possiedono alcuna funzione di tipo diagnostico e non possono sostituirsi al consulto psicoterapeutico specialistico.

Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari.

Studio: via Iacopo Nardi, 15 – 00179 Roma (IT)

www.MicheleAccettella.com – P.IVA 02176530695 – Tel. 06 7802223 – Mobile 347 4878860 – info@MicheleAccettella.com – Privacy PolicyCookie Policy

Iscrizione all’Ordine degli Psicologi del Lazio – n. 19056 dal 17/02/2006

Ambiti di competenza – depressione | anoressia e bulimia | ansia e panico | trauma | narcisismo | lutto | ossessioni e compulsioni | paura | rabbia | colpa |
disturbo bipolare | disturbo borderline | dipendenze da internet | accumulo | insonnia | schizofrenia | disturbi psicotici